I primi passi delle case di moda nel dopoguerra, la rinascita dell’imprenditoria e dello stile italiano, l’eleganza della Hollywood sul Tevere e la bellezza delle dive come Mangano e Lollobrigida. 150 scatti di  eleganza femminile raccontano la storia del paese che ce l’aveva fatta nella mostra “Pasquale De Antonis. La fotografia di moda.” ai Musei Civici di Palazzo Mosca, con un compendio di 20 Ritratti di Moda all’Hotel Excelsior. A Pesaro, fino al 31 ottobre.

 

Fino al 31 Ottobre 2015 i Musei civici di Palazzo Mosca e l’Hotel Excelsior di Pesaro ospitano i  ritratti di Pasquale De Antonis, il fotografo che negli anni ’50 contribuì a diffondere l’immagine dell’alta moda italiana a livello internazionale con i suoi servizi  per le sartorie romane, primo su tutti l’atelier delle sorelle Fontana.

Non solo la moda ma anche tutto ciò che raccontava il ritrovato stile italiano dopo la guerra, la rinascita del lusso e dell’eleganza, materiale e intellettuale, è protagonista della mostra “Pasquale de Antonis. La fotografia di moda.” Insieme ai ritratti di artisti come Balla e Guttuso ci sono quelli dei divi e degli intellettuali della Hollywood sul Tevere - Lollobrigida, Mangano, Mastroianni, Gassmann, Loren, Magnani, Visconti, Zeffirelli, Flaiano.

E’ però l’ideale di eleganza femminile il centro del lavoro di tutta la vita di Pasquale De Antonis. Nei suoi bianchi e neri per i servizi di moda, il fotografo e le sue modelle non avevano bisogno di farsi notare usando espedienti.

Giorgio Bramante Donini, curatore insieme a Anna Maria Miele e Riccardo De Antonis, commenta così il lavoro dell’artista e delle sue modelle:

La donna di De Antonis non è mai banale, non è sexy ma piuttosto fa emergere i valori della sua intelligenza. Quelle di De Antonis non sono le foto civettuole che tanto servono alla moda, sono foto ragionate con una regìa meticolosa intrisa di sapienza formale e che ben rivelano la conoscenza del cinema, del teatro e delle altre forme espressive.

Pasquale De Antonis

Pasquale De Antonis nasce a Teramo nel 1908. A inizio anni ’30 si trasferisce a Bologna per studiare all’Accademia di Belle Arti e nel 1932 espone alla Prima Biennale di Fotografia di Roma. Nel 1934 torna a Pescara, apre il suo primo studio e stringe amicizia con Ennio Flaiano, che gli dedica il racconto “Le fotografie”.
Arriva a Roma dal 1936 con una borsa di studio per  il Centro Sperimentale di Cinematografia  e nel 1939 rileva lo studio  di Arturo Bragaglia a Piazza di Spagna.

Negli anni ’40 inizia a frequentare gli artisti e intellettuali del Caffè Greco, come Goffredo Petrassi, Carlo Levi, Pericle Fazzini: da queste amicizie nascono bellissimi ritratti a cui seguono scatti di personaggi come Anna Magnani, Silvana Mangano e Alexander Calder. Nel 1946 inizia a lavorare per il teatro, con Luchino Visconti, Franco Zeffirelli, Vittorio Gassman, Luigi Squarzina.

In questi stessi anni documenta la nascita dell’alta moda italiana per le grandi riviste dell’epoca: fotografa i modelli delle Sorelle Fontana, di Gattinoni, di Emilio Schuberth e di Simonetta Visconti inseriti nei grandi siti archeologici e monumentali di Roma .
Dagli anni ’50 inizia a lavorare nella documentazione dei beni culturali italiani con grandi progetti come L’Enciclopedia dell’arte della Sansoni. Negli anni ’70 De Antonis partecipa alle sperimentazioni del “Gruppo Altro” fondato da Achille Perilli e Lucia Latour e continua ad occuparsi di fotografia e del suo archivio fino all’ultima mostra “De Antonis un fotografo a teatro” organizzata personalmente nel 1998 alla Galleria del Segno di Angelica Savinio. Muore a Roma nel 2001.

Il ritratto di moda

3 Luglio – 31 Ottobre 2015

Hotel Excelsior

Lungomare Nazario Sauro 30/34, Pesaro

Tel. +39 0721630011

Pasquale de Antonis. La fotografia di moda

3 Luglio – 31 Ottobre 2015

Palazzo Mosca – Piazza Vincenzo Toschi Mosca 29, Pesaro

Tel. +39 0721387541

About The Author