Con Paolo Anselmo l’immaginazione si fa carne – carne di terracotta animata dal soffio della poesia.

Breton ricorda, in un suo testo classico:

La facoltà di spiegamento dell’immaginazione artistica è in intimo rapporto con la varietà dei fenomeni del cosmo.

Varietà che il nostro artista sa indagare e ricreare come pochi.
La facoltà immaginifica è sviluppata al massimo nell’opera dell’Anselmo. Ancora in sintonia con Breton, che riconosce all’immaginazione «tutti i poteri», il nostro artista immagina e si arroga il potere di ideare esseri soprannaturali, animali fantastici e oggetti strabilianti. Paolo Anselmo riesce a colmare lo iato tra il pensare e il fare, così da potere creare – grazie alla propria padronanza dell’arte del fuoco – un mondo diverso dal nostro, un mondo abitato da fantastiche creature dell’aria, dei mari, di terra, alle quali, quasi sempre, dà titoli che sono la misura della sua esuberante facoltà mito-poietica.

La ceramica per me è una droga. Ogni volta che apro il forno è come se fosse la prima volta. In base alla temperatura gioco sui colori. Interpreto in ceramica le sensazioni e gli umori che ho nel momento in cui inizio un’opera.

Tra le tante creazioni di Paolo Anselmo è d’obbligo citare almeno alcuni degli esseri straordinari che popolano il suo meraviglioso Zoo personale. Per la fauna acquatica ricordiamo il Pesce arlecchino, la Granseola dell’isola di Flinders (Australia), l’Anguilla dell’Isla des Mujeres (Messico), La balena White Alexandra dell’Isola di Pasqua, il Polpo verace della Calabria, lo Scorpion fish Dianchi, il Pesce Cindy Crawford e quello Ferro da Stiro.

Per la fauna terrestre: il Coccodrillo del mar di Macao, e quello Nano del Bengala dall’arpione rosso, il Porcocane, il Topa in casseruola con patate, il Gatto dell’Algeria che sembra uscito da Alice al paese delle meraviglie, le fantasiose giraffe: Pitti smart, Bom Bom, quella Siamese o quella A doppia faccia.
Ma impossibile non ricordare anche i suoi spettacolari gufi: Il re e la regina, Carmen, Occhio di Corallo. Anche gli oggetti d’uso quotidiano diventano cose di un mondo altro – siano essi semplici vasi: I Gemelli, Mitocondri, Vaso con vagina, Vaso saxofono, Vaso futurista, Vaso Barocco, Vaso cuore di donna, Vaso ufo, Vaso candelabro con cornetto, Mille bolle, Così fan tutti, Giro del mondo; oppure – con un occhio sui personaggi attuali – l’esilarante Capitan Ventosa.

I suoi piatti sono altrettanto mirabolanti; per citarne solo alcuni, si vedano: Piatto incontro, Pesce Kumming del mare di Hong Kong, Incontro a Miami South all’ora del tramonto, Animali sott’acqua, Tulum Messico, Falso d’autore 1 e 2, Fata beata, Piraña del Sansobbia, Rinoceronte all’ora del tramonto Tanzania.
E che dire delle sue straordinarie stufe, per esempio quella intitolata Barriera corallina, e come non ammirare le sue maschere pseudo africane (Pesce africano)?

About The Author

Leave a Reply

Your email address will not be published.