Un mondo sommerso nell’abisso dell’anima e poi riportato alla luce, quello descritto da Gesuino Pinna. Un mondo dall’elevata concettualità rappresentativa: da sfondi informali prodotti con la tecnica del dripping o con variopinti tocchi di colore emergono come in un sogno i soggetti. Tratti caratteristici della sua pittura sono la sovrapposizione e l’intreccio di forme dai contorni labili e dalla cromia insolita. Un dinamismo cromatico che risiede nell’instancabile voglia da parte dell’autore di comunicare le sue verità. Si arriva a esplorare i “non luoghi” della sua mente. Si scavalcano gli steccati della razionalità per intraprendere la strada dell’intravisto.

About The Author