Dalle cosmogonie dipinte da Enrico Pizzoli emerge tutta la potenza creatrice della materia più sotterranea e occulta dell’universo, che libera con forza la propria energia attraverso grandi esplosioni cromatiche. Il suo astrattismo ci narra di un universo visionario, frutto di un’esplosione vitale che si traduce in forme e colori dai toni accesi. Il ricorrere della figura del cerchio racconta il divenire del cosmo, nella continua trasformazione degli elementi che lo compongono e crea labirinti ottici in cui lo sguardo dell’osservatore può vagare e perdersi. Questi lavori emanano un’energia intrinseca liberandosi dai vincoli del contingente per tornare a essere parte della sostanza del cosmo.

About The Author